Sezione Opportunità

avviso esplorativo per la ricerca di manifestazione di interesse per la realizzazione di laboratori di alfabetizzazione della lingua italiana dei richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria, da destinare al Progetto di Accoglienza S.P.R.A.R. (Sistema di Protezione dei Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Mesagne (Br).

OGGETTO: avviso esplorativo per la ricerca di manifestazione di interesse per la realizzazione di laboratori di alfabetizzazione della lingua italiana dei richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria, da destinare al Progetto di Accoglienza S.P.R.A.R. (Sistema di Protezione dei Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Mesagne (Br).

Premesso che:

  • Con Legge n. 189/2002 in materia di immigrazione ed asilo il nostro Paese ha istituito il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (S.P.R.A.R.) ( art. 32 comma I sexies) e ha creato, presso il Ministero dell’Interno, il Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo, al quale possono accedere gli Enti Locali che prestano servizi finalizzati all’accoglienza dei richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria;
  • in data 7 agosto 2015 è stato pubblicato il decreto del Ministro dell’Interno che disciplina le modalità di presentazione delle istanze di ammissione per l’accesso al Fondo Nazionale per le Politiche ed il Servizi dell’Asilo (FNPSA) per la realizzazione di progetti di accoglienza da parte degli enti locali in seno al Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati categoria “Ordinari” per il biennio 2016-2017;
  • con la deliberazione di Giunta del Comune di Mesagne n. 334 del 06/11/2015 è stato stabilito di partecipare alla ripartizione del FNPSA e di procedere alla selezione di un ente gestore esterno mediante una procedura di selezione ad evidenza pubblica;
  • con la determinazione del dirigente del servizio Politiche e Solidarietà Sociali del Comune di Mesagne, nr. 177 del 02/02/2016, ad intervenuto espletamento di procedura di selezione, si aggiudicava in via definitiva la gestione del progetto SPRAR COMUNE DI MESAGNE CAT. ORDINARI alla Società Cooperativa Sociale “Rinascita”, con sede in via Dante nr. 145, Copertino (LE);
  • con decreto del Ministro dell’Interno del 30/05/2016 è stata approvata la graduatoria degli enti locali ammessi a finanziamento per l’anno 2016 – 2017 dalla quale risulta che il Comune di Mesagne attestandosi al 75° posto è beneficiario di 37 posti di accoglienza riservati a richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale di categoria ordinaria finanziati attraverso il FNPSA per un importo di euro 299.600,00 per l’anno 2016 e di euro 511.000,00 per l’anno 2017;
  • con la determinazione n. 1079 del 28.06.2016, si è preso atto del finanziamento, è stato approvato lo schema del contratto disciplinante i rapporti tra il Comune di Mesagne e Rinascita Soc. Coop. Soc. per ciò che attiene la realizzazione e la gestione operativa di tutti gli interventi e le attività di cui al progetto SPRAR categoria “Ordinari” relativa all’accoglienza di n. 37 richiedenti asilo e rifugiati presentato al Ministero dell’Interno, procedendo, con il medesimo atto e stante l’urgenza di avviare le attività previste, alla consegna del servizio, anticipata sotto riserva di legge, nelle more di sottoscrizione del relativo contratto di appalto;

 

  • che in data 05.09.2016 è stato sottoscritto il contratto d’appalto n. 7727 tra le parti disciplinante i rapporti giuridici tra le parti per l’esecuzione del progetto di cui trattasi.

 

si rende noto che:

Art.  1 – Oggetto della manifestazione di interesse

Rinascita Soc. Coop. Soc., con il presente avviso pubblico, intende acquisire manifestazioni di interesse, da parte di soggetti del privato sociale, per la realizzazione di laboratori di apprendimento/alfabetizzazione della lingua italiana rivolti a richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria nell’ambito del progetto SPRAR (Sistema di Protezione dei Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Mesagne, per un totale complessivo di n. 37 beneficiari e per un importo massimo non superiore ad € 80 al mese a persona omnicomprensivo (IVA, oneri di legge previsti, rimborso spese e materiale didattico e strumentale).

L’Ente si riserva la facoltà, a seguito dell’esame delle manifestazioni di interesse pervenute, di invitare i soggetti interessati a fornire ulteriori informazioni e documentazione.

I laboratori di alfabetizzazione dovranno essere finalizzati a:

-      migliorare le competenze di lingua italiana in vista di un pieno inserimento sociale e lavorativo comprendendo lezioni di lingua italiana, civiltà, laboratori pratici ed escursioni sul territorio per facilitare l’apprendimento linguistico;

-       diffondere  la pratica della certificazione dell’italiano L2 secondo gli standard di riferimento del Quadro Comune Europeo delle lingue (livelli da A1 a C1) in una prospettiva di valorizzazione delle competenze acquisite, favorendone la spendibilità nel percorso di studio e di lavoro;

-      acquisire ulteriori elementi conoscitivi e consolidare le partnership sulle reti territoriali che, attraverso l’offerta di percorsi di istruzione e formazione promuovono l’inclusione sociale degli immigrati.

Art. 2 – Durata

I laboratori di apprendimento/alfabetizzazione della lingua italiana rivolti a richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria dovranno essere avviati a partire dalla data di sottoscrizione della convenzione disciplinante il servizio e gli obblighi tra le parti, e comunque non oltre al 01.01.2017, e fino al 31.12.2017.

Art. 3 – Criteri per l’individuazione dei soggetti – Requisiti di ammissibilità

Rinascita Soc. Coop. Soc. ricerca, tramite la seguente procedura, soggetti del privato sociale di comprovata affidabilità ed esperienza nel settore socio-educativo e culturale che operano nello specifico settore di riferimento oggetto dell’Avviso e in possesso dei seguenti requisiti:

  1. avere una sede idonea e adeguata alla realizzazione delle attività, anche concessa da terzi sul territorio della Provincia di Brindisi;
  2. avere natura giuridica di:

-      Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) iscritte all’Anagrafe Unica delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (di cui al Decreto ministeriale del 18 luglio 2003 n. 266

-      Organizzazioni di volontariato (di cui alla legge 11 agosto 1991 n.266)

-      Associazioni di promozione sociale (di cui alla legge 7 dicembre 2000 n.383)

-      Cooperative sociali (di cui alla legge 8 novembre 1991 n.381)

-      Fondazioni, Enti morali, Enti ecclesiastici e associazioni la cui ordinaria attività e le cui finalità istituzionali non siano incompatibili con le finalità del presente Avviso

-      Organizzazioni non governative (ONG) costituite ai sensi della legge n.49/87.

 

I Soggetti Proponenti possono partecipare in forma singola ovvero in forma associata. Sono ammesse tutte le forme di partenariato, di raggruppamento e/o di consorzio previste dalla legislazione vigente, ferma restando la responsabilità solidale di tutti i soggetti riuniti in partenariato ovvero facenti parte del raggruppamento e/o consorzio nei confronti dell’Autorità Responsabile.

È fatto assoluto divieto ai Soggetti Proponenti di partecipare al presente Avviso in più di un raggruppamento/partenariato/consorzio, ovvero di partecipare al presente Avviso anche in forma singola qualora abbiano partecipato all’Avviso medesimo in partenariato/ raggruppamento/ consorzio. Si precisa che, in caso di Soggetto Proponente in forma associata, detto divieto opera sia per il Capofila che per i singoli Partner.

 

  1. statuto o altro atto analogo avente finalità coerenti con la realizzazione dell’attività di che trattasi;
  2. messa a disposizione di soggetti qualificati nella didattica dell’italiano L2o docenti abilitati all’insegnamento nella scuola primaria o della lingua italiana nella scuola secondaria o della lingua straniera  di ruolo o con esperienza di almeno tre anni nell’insegnamento della lingua italiana a stranieri.
  3. aver maturato una comprovata esperienza nell’ambito di tali corsi di lingua avendo  prestato nell’ultimo triennio almeno un servizio analogo.

 

Art. 4 – Modalità di presentazione della manifestazione d’interesse

Ai fini dell’ammissione alla presente selezione, il Soggetto Proponente dovrà presentare un unico plico denominato “Busta A – Domanda di ammissione alla manifestazione di interesse”,  sigillato e firmato su tutti i lembi di chiusura, sul quale dovrà chiaramente essere apposta l’indicazione del soggetto mittente e destinatario e dell’oggetto formulato come di seguito: “manifestazione di interesse per lo svolgimento servizio di alfabetizzazione lingua italiana di dei richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria, da destinare al Progetto di Accoglienza S.P.R.A.R. del Comune di Mesagne (Br).”

Il plico dovrà essere consegnato a mano, in busta chiusa, all’Ufficio Protocollo di Rinascita Soc. Coop. Soc. negli orari di apertura al pubblico o spedita con Raccomandata A/R al seguente indirizzo: RINASCITA SOC. COOP. SOC., Via IV Novembre, 104 73043, Copertino (Le) oppure trasmessa al seguente indirizzo di PEC: cooperativarinascita@pec.it entro e non oltre le ore 13:00 del 11.12.2016.

All’interno del plico, andrà inserito, pena l’esclusione:

A) Domanda di ammissione alla selezione ( All.1) contenente dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 debitamente compilata e firmata dal legale rappresentate (o da persona munita di comprovati poteri di firma) del Soggetto Proponente e/o Capofila ovvero del Partner, con la quale dichiara:

  • di essere regolarmente iscritto, alla data di pubblicazione dell’avviso al:

-      Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) iscritte all’Anagrafe Unica delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (di cui al Decreto ministeriale del 18 luglio 2003 n. 266

-      Organizzazioni di volontariato (di cui alla legge 11 agosto 1991 n.266)

-      Associazioni di promozione sociale (di cui alla legge 7 dicembre 2000 n.383)

-      Cooperative sociali (di cui alla legge 8 novembre 1991 n.381)

-      Fondazioni, Enti morali, Enti ecclesiastici e associazioni la cui ordinaria attività e le cui finalità istituzionali non siano incompatibili con le finalità del presente Avviso

-      Organizzazioni non governative (ONG) costituite ai sensi della legge n. 49/87

 

  • il Numero di Partita Iva o Codice Fiscale;
  • l’impegno al reclutamento in proprio e utilizzazione come docenti di soggetti qualificati nella didattica dell’italiano L2o docenti abilitati all’insegnamento nella scuola primaria o della lingua italiana nella scuola secondaria o della lingua straniera  di ruolo o con esperienza di almeno tre anni nell’insegnamento della lingua italiana a stranieri;

 

  • Il proprio impegno all’utilizzo e alla regolare tenuta della modulistica, dei registri didattici previsti per questa tipologia di servizio, nonché alla consegna finale di relazione dettagliata sui contenuti svolti e gli obiettivi raggiunti dai corsisti;

 

  •  Il proprio impegno a garantire la realizzazione di laboratori di apprendimento/alfabetizzazione della lingua italiana rivolti a massimo n. 37 richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria da avviare a partire dalla data di sottoscrizione della convenzione disciplinante il servizio e gli obblighi tra le parti, e comunque non oltre al 01.01.2017, e fino al 31.12.2017;

 

  • di aver preso piena conoscenza e di accettare tutte le prescrizioni contenute nell’Avviso di selezione e di accettare le norme che regolano la procedura di selezione;

 

  • Di non trovarsi in alcuna situazione tale da poter essere escluso dalla procedura di cui al presente Avviso ed in particolare:

a) di non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, salvo il caso di cui all’articolo 186 -bis del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;

b) la assenza di procedimenti penali per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui  all’articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 o di una delle cause ostative previste dall’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575;

la assenza della causa di esclusione deve sussistere per gli amministratori del Soggetto Proponente e/o Capofila o comunque di tutti i soggetti muniti di poteri di rappresentanza (se il proponente è una società cooperativa o un consorzio) ovvero di tutti i componenti dell’organo di gestione del soggetto proponente e/o Capofila ( se il proponente è una associazione, fondazione, ONLUS);

c) che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale né sentenza di condanna, passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode,  riciclaggio,quali definiti dagli atti comunitari citati all’articolo 45, paragrafo 1, direttiva 2004/18/CE;

la assenza della causa di esclusione deve sussistere per gli amministratori del Soggetto Proponente e/o Capofila o comunque di tutti i soggetti muniti di poteri di rappresentanza ( se il proponente è una società cooperativa o un consorzio) ovvero di tutti i componenti dell’organo di gestione del soggetto proponente e/o Capofila ( se il proponente è una associazione, fondazione, ONLUS).

Si rammenta che occorre indicare anche le eventuali condanne per le quali il soggetto abbia beneficiato della non menzione, mentre non vanno menzionate le condanne per reati depenalizzati ovvero quando è intervenuta la riabilitazione ovvero quando il reato è stato dichiarato estinto dopo la  condanna ovvero in caso di revoca della condanna medesima;

d) di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all’articolo 17 della legge 19 marzo 1990, n. 55;

e) di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana;

f) di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui sono stabiliti;

g) di non aver commesso grave negligenza o malafede nell’esecuzione di prestazioni professionali  derivanti da procedure di gara finanziate con fondi comunitari e/o nazionali;

h) di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili ed, in particolare, con le disposizioni di  cui all’articolo 17 della legge 12 marzo 1999, n. 68, ovvero che il soggetto  proponente non è soggetto alla applicazione delle disposizioni di cui al presente punto;

i) di essere in regola con le dichiarazioni di idoneità dei locali in cui svolgere i corsi nel rispetto delle vigenti disposizioni sulla Sicurezza – Decreto Legislativo n. 81/2008;

j) che nei propri confronti non è stata applicata:

- alcuna sanzione interdittiva di cui all’art.9 comma 2 lettera c) del dlgs 231/2001 e smi;

- alcuna altra sanzione che comporti il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione compresi i provvedimenti interdittivi di cui all’art. 36 bis comma 1 del dl 4 luglio 2006 n. 223 convertito con modifiche dalla legge 4 agosto 2006 n. 248;

k) di non aver instaurato rapporti lavorativi o professionali con soggetti ex dipendenti di Pubbliche Amministrazioni che negli ultimi tre anni di servizio, hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali;

l) che i propri amministratori o comunque tutti i soggetti muniti di poteri di rappresentanza (se il proponente è una società cooperativa o un consorzio) ovvero tutti i componenti dell’organo di gestione (se il proponente è una associazione fondazione o ONLUS) ricorrendone i presupposti, hanno denunciato i fatti all’autorità giudiziaria essendo stati vittime dei reati previsti e puniti dagli articoli 317 e 629 del codice penale aggravati ai sensi dell’articolo 7 del decreto – legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, salvo che ricorrano i casi previsti dall’articolo 4, primo comma, della legge 24 novembre 1981, n. 689;

m) di non trovarsi in una situazione di controllo di cui all’articolo 2359 del codice civile o in una qualsiasi relazione, anche di fatto, se la situazione di controllo o la relazione comporti che le domande di partecipazione sono imputabili ad un unico centro decisionale, o che in ogni caso, la eventuale situazione di controllo non ha inciso sulle modalità di presentazione della domanda;

n) (in caso di cooperativa o di consorzio tra cooperative) essere iscritto nell’apposito Albo delle Società cooperative istituito con DM 23 giugno 2004 al, con indicazione del relativo n di iscrizione;

o) Il proprio impegno al rispetto della normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari derivanti di cui all’art. 3 della Legge 136/2010;

q) di possedere una pregressa esperienza di lavoro nell’ultimo triennio relativa al servizio richiesto o analogo ovvero alla quota parte di servizio richiesto nel caso di Proponente in forma associata (con indicazione del Beneficiario e della tipologia di servizio/corso).

 

B) proposta economica formulata tenendo conto del costo massimo da riconoscere a corsista così come riportato dall’art.  1 e con l’indicazione dei servizi inclusi nella prestazione.

 

Nel caso di Soggetto proponente in forma associata, ciascun partner dovrà presentare la domanda di ammissione di cui all’allegato 1.

La domanda di ammissione deve essere sottoscritta ed accompagnata dalla fotocopia di un valido documento di identità del sottoscrittore.

Ferme restando le modalità di presentazione dell’offerta espressamente previste nel presente avviso, ai fini dell’ammissione alla gara, i soggetti partecipanti dovranno aver cura di conservare in copia tutte le dichiarazioni, i dati e la documentazione presentata, per ogni evenienza successiva.

Dopo la ricezione delle dichiarazioni e dei documenti di seguito indicati, Rinascita Soc. Coop. Soc. si riserva procedere a idonei controlli, anche a campione, circa la veridicità degli stessi, acquisendo d’ufficio le necessarie informazioni.

 

Art. 5 – Valutazione delle candidature

Scaduto il termine di presentazione delle domande, un nucleo di valutazione composto dal Dirigente amministrativo nonché da due membri interni a Rinascita Soc. Coop. Soc. provvederà ad effettuare la valutazione delle candidature.

Il nucleo di valutazione procederà all’esame delle candidature pervenute sotto il profilo dell’ammissibilità e, successivamente, alla valutazione dell’esperienza pregressa dell’ente proponente e della proposta economica per le candidature ritenute ammissibili.

Nello specifico verrà attribuito un punteggio massimo di 70 punti così distribuito:

  1. esperienza pregressa servizi analoghi ultimo triennio (max 40 punti):

-      da 1 a 4 servizi analoghi realizzati ……………………………………………………………………………………….  5 punti

-      da 5 a 10 servizi analoghi realizzati …………………………………………………………………………………….  15 punti

-      oltre 10 servizi analoghi realizzati ………………………………………………………………………………………. 20 punti

 

  1. proposta economica  (max 30 punti): indicazione della tariffa mensile pro capite per corsista, iva e altri oneri di legge inclusi.

-      massimo ribasso………………………………………………………………………………………………………………….. 30 punti

 

Una volta  conclusa la fase di valutazione, la graduatoria risultante sarà pubblicata sul sito web di Rinascita Soc. Coop. Soc. al link http://www.cooperativarinascita.org e si procederà con l’affidamento del servizio.

Si procederà ad affidare il servizio anche nel caso di una sola offerta valida, purché ritenuta congrua.

ART. 6 – Tracciabilità dei flussi finanziari

Il soggetto individuato assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’art. 3 della legge 13 Agosto 2010, n.136 e successive modifiche.

Art. 7 – Trattamento dei dati

I dati personali forniti nella manifestazione di interesse, nel rispetto delle disposizioni contenute nel D.Lgs. 196/03 “Codice in materia dei dati personali”, saranno trattati e utilizzati per i fini connessi all’espletamento della procedura in oggetto.

Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria in quanto indispensabile per l’espletamento delle procedure richieste.

Il trattamento dei dati sarà effettuato con l’ausilio di mezzi informatici e potranno essere comunicati agli altri soggetti coinvolti nella gestione del procedimento e a quelli demandati all’effettuazione dei controlli previsti dalla vigente normativa.

 

Art. 8 – Norme di salvaguardia

Per quanto non previsto dal presente bando, si rinvia alle disposizioni normative vigenti in materia.

Art. 9 –  Pubblicita’

Del presente avviso si dà pubblicità mediante la pubblicazione dello stesso sul sito web di Rinascita Soc. Coop. Soc. nella sezione “Servizi” (http://www.cooperativarinascita.org).

Art. 10 – Foro competente

Il Foro competente è quello di Lecce.

Art. 11 – Richiesta informazioni

Per ulteriori informazioni e chiarimenti è possibile rivolgersi a: Sig. Antonio Palma tel./fax 0832/948879 e-mail: ufficiogare@cooperativarinascita.org.

 

F.to Il Presidente

(ANTONIO PALMA)